Umberto Croppi

UMBERTO CROPPI

Presidente e AD di Federculture Servizi Srl, Presidnte e AD di Cosmec Srl, già direttore generale della Fondazione Valore Italia (Esposizione permanente del Made in Italy e del Design italiano) e docente a contratto presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma. È membro del cda della Quadriennale di Roma e dell’Istituto di Studi Pirandelliani. Ha diretto un’agenzia di pubblicità, è stato presidente della Casa Editrice Officine del Novecento e direttore editoriale della Vallecchi di Firenze. Presidente dell’associazione “Una Città – network di cultura urbana”, fa parte del Consiglio Direttivo di Federculture e del Cda della “Fondazione”. È stato componente del primo Consiglio del Design. Con Giuliano Compagno coautore di Romanzo Comunale (Newton Compton). Saggista, coautore di volumi collettanei, tra i quali: Il pregiudizio universale,Proviamola Nuova,

C’eravamo tanto a(r)mati, Le radici e il progetto, In alto a destra, Mona Lisa Smile, (Re)design del territorio, Disegno e Design, Unicità d’Italia, Un Maestro a Pietralata. Ha collaborato e collabora con periodici e quotidiani. Consigliere comunale dal 1975 al 1990 e consigliere regionale del Lazio nella V legislatura. Fondatore del Movimento dei Giovani Disoccupati, è stato tra gli ideatori delle nuove forme della cultura di destra degli anni ’70, tra cui i famosi Campi Hobbit. Negli anni 90 attivo nei nuovi soggetti della politica italiana (La Rete e i Verdi), è stato capogruppo dei Verdi alla Regione Lazio. È tra i fondatori di Nessuno tocchi Caino, lega internazionale per l’abolizione della pena di morte. Assessore alle politiche culturali e alla comunicazione del Comune di Roma dal maggio 2008 al gennaio 2011.